Powered by Alimat s.r.l.
10 Dicembre

Presentato a Roma il Macfrut 2015

Internazionalizzazione e innovazione: saranno queste le parole d’ordine della 32ª edizione del Macfrut, la Fiera Internazione dedicata al mondo dell’ortofrutta che l’anno prossimo, per la prima volta, si terrà alla Fiera di Rimini, dal 23 al 25 settembre 2015. Questa mattina al Ministero delle politiche agricole alla presenza del Ministro Martina,  il Sindaco di Cesena Paolo Lucchi insieme al Presidente di Cesena Fiera Renzo Piraccini hanno presentato le novità  dell’edizione 2015 che vedrà 400 nuovi buyer e vedrà Unicredit come business partner. Si tratta di una sfida importante che ha coinvolto istituzioni, imprese e associazioni del territorio romagnolo in un’ottica innovativa che ha privilegiato il saper far sistema valorizzando un intero territorio come la Romagna.

28 Novembre

Imu terreni agricoli montani: le nuove classificazioni danneggiano i nostri comuni

Ho deciso di sostenere l’azione di un gruppo di parlamentari del Pd, capitanati dal deputato Enrico Borghi (Pd), Presidente dell’Intergruppo per lo sviluppo della montagna che hanno avviato un’azione parlamentare nei confronti dell’annunciato decreto che rivede i criteri di esenzione IMU per i terreni agricoli ricadenti in area montana, fino ad oggi totalmente esclusi dal tributo in considerazione di particolari condizioni orografiche, tra cui ad esempio il fatto di essere irraggiungibili per gran parte dell’anno a causa del gelo e delle precipitazioni.
 Il decreto-legge n.66 del 2014 prevede una revisione dei criteri per l’esenzione IMU dei terreni agricoli ricadenti in aree montane e collinari. Si è passati ad una suddivisione in tre fasce, con esenzione totale solo per i terreni situati in Comuni con altitudine superiore ai 600 metri, esenzione parziale per coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali proprietari di terreni in Comuni con altitudine compresa fra 281 e 600 metri, e nessuna agevolazione per tutti gli altri, chiamati a pagare regolarmente l’imposta. Si tratta di una classificazione sbagliata  che assume il dato dell’altitudine dalla posizione della sede del municipio, spesso costruito a fondovalle e pertanto non realistica rispetto al resto dell’estensione comunale, e non considera in alcun modo il parametro del dislivello, producendo così delle disparità di trattamento per i proprietari di terreni agricoli nei comuni montani e che penalizza in maniera decisa i proprietari di terreni che si trovano in comuni collinari. Siamo al lavoro per far sì che il Governo modifichi questa classificazione che penalizzerebbe le nostre realtà montane.

27 Ottobre

Bolkestein: presenterò un'interrogazione al Governo

 

Lo scorso 15 ottobre è scaduto il termine previsto per il riordino complessivo della materia delle concessioni demaniali marittime. Termine contenuto all’interno della legge di stabilità 2014 (legge 147/2014).
Negli ultimi giorni sono trapelate indiscrezioni secondo le quali il Governo starebbe per presentare un Disegno di legge - a firma del Sottosegretario Sandro Gozi e supportato dal Ministro Lanzetta – che prevede la conclusione anticipata al 2017 delle concessioni demaniali in essere e l’affidamento tramite gara senza alcun diritto d’opzione per i concessionari.
Sulla stessa materia era già intervenuto il decreto 179/2012 che invece prorogava le concessioni in essere fino al 31 dicembre 2020.
Sono preoccupato per i contenuti delle indiscrezioni e proprio per questo motivo, presenterò un’interrogazione al Governo per capire se le anticipazioni siano fondate e per chiarire quale sia la posizione dell’esecutivo sulla materia.

13 Novembre

Collegato ambientale: l'ambiente al centro del Paese

Oggi abbiamo approvato il disegno di legge in materia ambientale – collegato alla legge di stabilità 2014 – che promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali.
Il provvedimento affronta in materia organica i temi della tutela dell’ambiente e della green economy. Questo testo, insieme alla riforma delle agenzie ambientali e insieme all’introduzione del reato di inquinamento ambientale, costituisce un pacchetto di riforme  indispensabile per dare impulso ad una nuova economia basata sulla qualità, sull’innovazione e sulla sostenibilità ambientale.
Sono quattro i capitoli in cui si organizza la legge. Il primo riguarda la prevenzione ambientale e le politiche di supporto alla green economy, gli incentivi per gli appalti verdi e gli incentivi alla mobilità sostenibile (35 milioni di euro per un programma di mobilità sostenibile casa-scuola casa-lavoro).
Il secondo capitolo riguarda le misure per la valorizzazione delle risorse naturali e il recupero della materia. Previsti incentivi per la raccolta differenziata oltre ad un riordino dei consorzi per gli imballaggi.
Il terzo capitolo riguarda il riordino dei distretti idrografici e il quarto capitolo comprende disposizioni in materia di capitale naturale e contabilità ambientale prevedendo la  remunerazione dei servizi eco sistemici ambientali e la realizzazione di strategia nazionale delle c.d. green community.
Per la prima volta nella storia della nostra Repubblica, la parola “green economy” è entrata nel titolo di una Legge dello Stato. Si tratta di un deciso passo in avanti verso una nuova politica nazionale di sviluppo sostenibile che - grazie ad un quadro di regole chiare -  consentirà alle imprese di fare innovazione mettendo ai margini le imprese malsane che negli anni hanno speculato sull’ambiente, i rifiuti e le risorse naturali.

06 Ottobre

Cesenatico: a disposizione per la richiesta dello stato di emergenza

Sono pronto ad intervenire a sostegno del Comune di Cesenatico per la richiesta dello stato di emergenza dopo la mareggiata che ha colpito Cesenatico nella notte tra il 22 e il 23 settembre.
Nella notte tra il 22 e il 23 settembre una mareggiata improvvisa ha allagato parte del centro storico lungo le aste del porto canale e larga parte degli stabilimenti balneari.
Sono state danneggiate numerose attività commerciali, abitazioni, stabilimenti balneari, ristoranti e negozi.
Le prime stime indicano danni per circa 6 milioni di euro.
Ad oggi mi risulta che la Giunta di Cesenatico non abbia ancora deliberato la richiesta dello stato di emergenza, mi rendo disponibile a collaborare fin da subito, per accelerare le pratiche e l’iter necessario affinchè la richiesta arrivi al Consiglio dei Ministri e si possa così richiedere aiuti economici per le imprese e per tutti coloro che sono stati danneggiati dalla mareggiata.



Questo sito utilizza i cookie. L’accesso al sito implica il consenso a loro utilizzo.

Link per maggiori informazioni Per saperne di piu'

Approvo